I CIBI DELL'AUTUNNO

29/10/2018News

by Centro Cuore & Salute


Tutti gli articoli

a cura di Ilaria Stradi- nutrizionista

La zucca

Mai come in questo periodo siamo circondati dalla zucca, sia all’interno dei negozi come ornamento, sia in varie ricette in cucina.

Questa pianta, oltre ad essere utilizzata nel settore erboristico e cosmetico, è soprattutto usata in cucina in diverse sue parti.

1.      La polpa: può essere cotta a vapore per preparare zuppe e vellutate, può essere tagliata a dadini e cotta in padella, oppure può essere cotta al forno. La polpa poi si presta bene come ripieno di ravioli o tortelloni, o per alcuni dolci.Dal punto di vista nutrizionale la zucca presenta poche calorie, dovute alle grandi quantità d’acqua all’interno, e pochi grassi. Sono abbondanti i micronutrienti come caroteni, vitamina A e C, e molte fibre. Queste proprietà nutrizionali le ritroviamo nella zucca gialla e nella zucca rossa, nella zucca tonda e in quella allungata.

2.      Semi di zucca: sono alimenti ricchi di carotenoidi e altri minerali come lo Zinco, il Manganese, il Magnesio, il Fosforo e il Ferro, presentano inoltre acidi grassi insaturi e vitamina E, sono quindi utili a ridurre i livelli di colesterolo. I semi di zucca sono ideali per condire le insalate.

3.      I fiori di zucca che si possono comunemente acquistare nei supermercati possono provenire sia dalla zucca, sia dalla zucchina e presentano caratteristiche nutrizionali molto simili. Questi fiori hanno un ridotto numero di calorie e contengono minerali come il Calcio e il Fosforo, e vitamine A e C.

 

 

Il melograno

 

Il melograno è considerato uno dei più antichi alberi da frutto. Questa pianta ha avuto origine in Asia, poi è stata successivamente importata dai fenici lungo il bacino del Mediterraneo.

Intorno al melograno gravitano numerose leggende, questo frutto è infatti da sempre associato a ricchezzafertilità e fortuna. Per molte religioni rappresenta un frutto che prospera in paradiso, per indicare qualcosa di molto buono regalato da Dio agli uomini.

 

Oltre ad essere una pianta ornamentale, soprattutto nell’antico Egitto, era diffusa per le sue proprietà terapeutiche, il frutto era infatti considerato una sorta di medicinale. Già Ippocrate, noto medico dell’antica Grecia e considerato il padre della medicina, aveva compreso le proprietà di questa pianta e i suoi poteri curativi.

Il frutto del melograno ha poche calorie, questo grazie al fatto che è costituito da un 80% di acqua. All’interno del frutto sono però contenuti numerosi minerali, tra cui il Potassio, il Fosforo, il Sodio, il Magnesio e il Ferro, e vitamine, in particolare la vitamina C.

Il melograno ha numerosi effetti benefici sulla nostra salute:

 

·         ha un effetto antidiarroico, grazie all’alto contenuto di tannini

·         un alto contenuto di antiossidanti lo rendono importante nella prevenzione cardiovascolare, sembra infatti che un consumo regolare riduca il colesterolo LDL e aumenti le proprietà anticoagulanti

·         la capacità anticoagulante migliora la circolazione sanguigna e sembra contribuire a creare un aspetto più giovane, inoltre gli antiossidanti contrastano l’invecchiamento cellulare

·         è considerato un frutto antitumorale per la presenza di antiossidanti, in particolare le antocianine contenute nel succo sembrano proteggere contro l’effetto dei raggi UV

Le patate dolci

 

Sempre più spesso al supermercato troviamo le patate dolci americane, una sorta di radice tuberosa che appartiene ad una famiglia diversa da quella delle patate comuni. Queste patate, note anche come batate, vengono coltivate anche in Italia e in altre zone del mondo come Asia e Africa.

Questo alimento possiede alcune proprietà che la renderebbero un’ottima alternativa alle patate comuni che si consumano di solito, ovvero:

 

·         Hanno un indice glicemico più basso, questo è importante perché produce un minor picco di insulina

·         Contengono un maggior numero di vitamine e minerali, come soprattutto il potassio, il manganese, la vitamina B6 e il beta-carotene, molto studiato per le sue importanti proprietà antiossidanti

·         Hanno un maggiore contenuto in fibra rispetto alla patata comune

·         Possono avere un sapore molto apprezzato, che ricorda un po’ quello delle castagne

 

La patata dolce è quindi una valida alternativa alla patata comune, resta però un alimento contenente una quantità di zuccheri semplici abbastanza elevata, per questo motivo non bisognerebbe abusarne, soprattutto la sera e soprattutto chi ha necessità di tenere sotto controllo la glicemia.

Queste patate si cucinano esattamente come quelle comuni, ovvero al forno oppure a vapore o lesse, con la raccomandazione di lavarle bene prima di cucinarle e rimuovere eventuali germogli


https://ilariastradi.com/

 

I CIBI DELL'AUTUNNO

I CIBI DELL'AUTUNNO a cura di Ilaria Stradi- nutrizionista

Contattaci per saperne di più